Vi aspettiamo in fiera con Climacell

risparmio energetico,isolamento sottotetto,cellulosa,climacell
SEZIONE DI SOTTOTETTO ISOLATO CON CLIMACELL
risparmio energetico,isolamento sottotetto,cellulosa,climacell
L’IMPORTANZA DI ISOLARE IL SOTTOTETTO
risparmio energetico,isolamento sottotetto,villa a schiera
ISOLAMENTO SOTTOTETTO CON CM 25 CELLULOSA

 

Vi aspettiamo numerosi in fiera per le ultime novità in fatto di isolamento del vostro sottotetto con cellulosa CLIMACELL. Nei giorni indicati saremo lieti di incontrarvi per illustrarvi le caratteristiche del nostro intervento con fornitura e posa di 25 cm di cellulosa CLIMACELL: nessun disagio dentro casa,l’accesso al sottotetto viene effettuato dalla copertura. Con poche migliaia di euro è possibile eseguire L’isolamento  con la rivoluzionaria tecnica dell’insufflaggio del materiale isolante, garantendo un intervento estremamente economico ma di  altissima qualità,duraturo e stabile nel tempo, per offrire il massimo comfort abitativo sia in estate che in inverno. SOPRALLUOGO E PREVENTIVI ACCURATI E GRATUITI.

 

 

VI ASPETTIAMO IN FIERA CON CLIMACELL

Nei giorni  22-23-24-25-APRILE 2016 alla 37° edizione TRAVAGLIATOCAVALLI

Nei giorni   29-30 APRILE 1 MAGGIO  alla 60° FESTA DI MAGGIO a GAVARDO

 

risparmio energetico,isolamento,sottotetto,climacell
CERTIFICAZIONE ENERGETICA

Con Climacell un isolamento sottotetto che riduce i consumi per riscaldamento del 60% vero o falso?

È vero e documentato nell’attestato prestazione energetica  APE redatto dallo studio del Geom.De Cataldo Luca di Montichiari, professionista abilitato come certificatore energetico.

La copia integrale è visibile più sotto in quest’articolo.

Ritengo utile riassumere in modo comprensibile a tutti il contenuto, lasciando la lettura originale a disposizione di quanti vogliano conoscere tutto il contenuto e ne abbiano le basi per la comprensione.

I dati tecnici sono stati rilevati dalle schede tecniche dei singoli materiali, tutti i dati vengono inseriti in un programma della Regione Lombardia creato apposta per la redazione dell’attestato, pertanto il risultato è puramente matematico e non risente in modo significativo della valutazione personale del tecnico compilatore.

La casa presa in esame è quadrata e misura 10 x 10 mt esterno muri (100 mq), è ad un piano e costruita dopo il 2006 ed è situata a Montichiari e la possiamo considerare in linea con quanto veniva offerto dal mercato.

• Il pavimento e sottofondo misurano 60 cm comprensivi di 10 cm di cls con argilla espansa

• Il muro perimetrale ha uno spessore di 37 cm, 20  blocco forato, 6 isolante in lana roccia, 8 mattone forato con intonaco interno e esterno

• Il solaio è a travetti e pignatte da 22 cm

• La struttura del tetto è a murici e tavelloni con sottotetto non praticabile

• Il riscaldamento è con caldaia a gas e termosifoni

• Le finestre sono con vetrocamera 4 + intercapedine + 4

Questo fabbricato è risultato

CLASSE G   (258  KWH/MQ ANNO)
corrispondenti ad un consumo annuo di 2047 mc gas

Successivamente è stato  redatto un altro certificato energetico con la coibentazione della soletta eseguita con 25 cm di cellulosa inertizzata CLIMACELL  con un risultato sorprendente:

CLASSE D   (105 KWH/MQ ANNO)
Corrispondenti ad un consumo annuo di 812 mc gas


Una differenza di 3 classi energetiche, dalla G alla  D con una riduzione dei consumi per riscaldamento del 60 %.

L’intervento di coibentazione della soletta con 25 cm di cellulosa CLIMACELL risulta di gran lunga il campione  in termini di benefici e di costi fra tutti quelli possibili  per migliorare l’efficienza energetica della casa.

Migliora il comfort della tua casa con isolamento Climacell

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
sottotetto atto ad essere isolato con CELLULOSA CLIMACELL

MIGLIORA  IL COMFORT DELLA TUA CASA CON ISOLAMENTO CLIMACELL con SISTEMATETTO

Migliora il comfort della tua casa con isolamento CIMACELL vediamo perche’: La maggior parte delle case nella zona della bassa bresciana e mantovana, costruite dagli anni 50 in poi, hanno una particolarità che rende possibile un ISOLAMENTO TERMICO ad altissima resa e ad un costo minimo.

Queste possiedono un sottotetto generalmente non praticabile e spesso non accessibile ,ma  con la cellulosa CLIMACELL si puo’creare  un ISOLAMENTO TERMICO di altezza  e qualita’ altrimenti impossibile da realizzare.

Molti clienti ci hanno confermato che negli anni passati era stato loro detto che era impossibile ISOLARE TERMICAMENTE  il sottotetto dopo la costruzione della casa ad un costo ragionevole , vista l’impossibilità di raggiungere le zone perimetrali e  le più basse con pannelli rigidi o materassini in lana comunemente in commercio, comunque di spessore limitato a qualche centimetro .

LA SOLUZIONE PER MIGLIORARE IL CONFORT  ora ci viene dalla ditta CLIMACELL produttrice di cellulosa inertizzata , un materiale con una storia di decenni in paesi sensibili all’isolamento termico degli edifici .

La particolarità dell’intervento è nel trasporto dell’isolante, che viene soffiato nel sottotetto con una tubazione, facilitando l’intervento e raggiungendo con facilità le zone non altrimenti raggiungibili .

L’isolamento termico , realizzato sull’ultima soletta con uno spessore minimo di 25 cm con la cellulosa inertizzata CLIMACELL dalle altissime prestazioni, crea nella soletta in cemento un accumulo di ENERGIA TERMICA .

Le condizioni favorevoli per un risultato eccezionale sono :

  • – la presenza di un solaio in cemento,o laterocemento, con molta massa e altamente conduttore di calore e in pratica fonte di dispersione primaria di calore
  • – un isolante come la cellulosa CLIMACELL posata nella parte superiore della soletta che ne impedisce la dispersione termica all’esterno, provocando un aumento della temperatura del cemento
  • – La capacità del solaio in cemento di ridare gradualmente il calore all’interno della casa, ovvero nell’unica direzione che gli è consentita, comportandosi come un elemento radiante a bassa temperatura di misura gigantesca

L’ABBINAMENTO FRA UNA SOLETTA IN CEMENTO E LA CELLULOSA CLIMACELL TRASFORMA PERTANTO UN HANDICAP   INIZIALE IN UN PUNTO DI FORZA PER IL RISPARMIO ENERGETICO.

La ditta SISTEMATETTO,usa la cellulosa CLIMACELL con crescente soddisfazione dei vari clienti che hanno effettuato detto  l’intervento di isolamento del sottotetto.

In un prossimo articolo analizzeremo il vantaggio della cellulosa CLIMACELL anche nel periodo estivo una caratteristica che pochi isolanti termici possono eguagliare

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il risparmio energetico comincia dal tetto

Articolo pubblicato il 6 Novembre 2015 sulla nuova rivista Montichiari Week in edicola tutti i venerdì

Il risparmio energetico comincia dal tetto!

Scopri nell’articolo i consigli per aumentare il riscaldamento della tua casa risparmiando sulle bollette di luce e di gas.

Adotta il sistema di isolamento con cellulosa Climacell con un intervento mirato della ditta SistemaTetto.

Articolo pubblicato sulla nuova rivista Montichiariweek

Linea Vita: punti ancoraggio dpi sicurezza sui tetti esistenti

punti ancoraggio dpi
Punti ancoraggio dpi

SISTEMA TETTO, oltre ai lavori di isolamento termico del sottotetto con cellulosa CLIMACELL, propone la messa in sicurezza sui tetti esistenti con alcune proposte: istallazione linea vita punti ancoraggio dpi .

PREMESSA

Da alcuni anni la legge ha imposto che l’accesso alla copertura in mancanza di parapetti o ponteggi perimetrali segua alcune regole precise, obbligatorie per tutti, facendo uso di imbracature, corde, cordini ( denominati dpi dispositivi protezione individuali ) e soprattutto di punti ancoraggio certificati dove vincolarsi .

La certificazione riguarda il produttore del sistema ( certificato conformità) e l’installazione da parte impresa che ne abbia la competenza e segua le prescrizioni del produttore ( certificato corretta posa ) .

La responsabilità del proprietario dell’immobile è garantire a chiunque venga incaricato di svolgere lavori sulla copertura o ispezionare il tetto la presenza di questi punti ancoraggio indicando la loro posizione con una planimetria ( fornita dall’installatore insieme agli altri certificati ).

Esistono molte soluzioni , parleremo solo di quelle più comuni da applicare ai tetti in muricci tavelloni tipici della nostra edilizia residenziale con sottotetto non sfruttabile.

-linea vita, ovvero una fune acciaio tesa fra due o più pali, di costo elevato e adatta a un uso frequente per la velocità di spostamento che permette all’operatore ( è il caso di impianti posti sul tetto che richiedano una frequentazione periodica mensile o settimanale per la loro manutenzione )

-punti ancoraggio dpi singoli con fune metallica vincolata alla soletta , permette spostamenti lenti dell’operatore ma ha un costo notevolmente inferiore rispetto alla linea vita, rispettando comunque tutti gli standard di sicurezza .

Il tetto in muricci tavelloni ha una struttura che non permette nessun fissaggio certificato di pali per linea vita né di punti ancoraggio dpi , difatti vengono fissati sul solaio dell’ultimo piano ( il solaio sopra la vostra testa , per intenderci ).

Sistema Tetto propone generalmente di eseguire punti ancoraggio dpi prima dell’isolamento con cellulosa CLIMACELL nel sottotetto .

Nelle foto vediamo il fissaggio con barre filettate di una piastra sulla soletta piana con resina chimica bicomponente, aiutata per ulteriore sicurezza da un legno 8 x 10 fissato alla base dei muretti adiacenti . In tal modo , se sollecitata la piastra deve oltre a strappare le barre filettate dalla soletta  sollevare anche  l’intero tetto in murici e tavelloni

 

fissaggio con barre filettate di una piastra sulla soletta piana
fissaggio con barre filettate di una piastra sulla soletta piana con resina chimica bicomponente
lavori preparatori istallazioni punti ancoraggio dpi
lavori preparatori istallazioni punti ancoraggio dpi

 

 

 

 

 

 

La fune metallica certificata di opportuna lunghezza fissata alla piastra fuoriesce dal tavellone Foto P 1017645
La fune metallica certificata di opportuna lunghezza fissata alla piastra fuoriesce dal tavellone

punti ancoraggio dpi
punti ancoraggio dpi

E con la vista superiore vediamo l’occhiello della fune che spunta dai coppi per permettere di vincolare con un moschettone la nostra imbracatura

Per l’uso corretto dei punti ancoraggio dpi potete seguire il prossimo articolo.

Isolamento termico sottotetto villa schiera

Isolamento termico sottotetto villa schiera,climacell,risparmio energetico
Isolamento termico sottotetto villa schiera

Intervento di isolamento termico sottotetto villa schiera  con la tecnica dell’insufflaggio di cellulosa CLIMACELL in una unità abitativa di una serie di villette a schiera fine anni 70 con tetto di muricci e tavelloni.

In tempi recenti altre unità dello stesso complesso sono state oggetto di lavori edili sul tetto posando una guaina impermeabilizzante bituminosa sotto i coppi con l’intenzione di evitare infiltrazioni acqua piovana e sperando di limitare la dispersione termica.

In questa unità abitativa Sistema Tetto, interpellato per un preventivo per la posa di guaina sottocoppo, ha dimostrato alla proprietà che l’efficacia termica della guaina è quasi nulla e ha integrato i lavori di isolamento termico del sottotetto con la posa di cellulosa CLIMACELL grazie alla rivoluzionaria tecnica dell’insufflaggio importata dalla Germania. Solo con questa tecnica possiamo isolare termicamente il sottotetto con un isolamento importante di cm 20/25 che garantisce una qualità eccezionale , un costo accessibile e ammortizzabile in pochi anni con il risparmio energetico conseguente .

 

isolamento termico sottotetto villa schiera,climacell, risparmio energetico, risparmio bolletta del gas
Intervento d’isolamento in corso

Ecco la preparazione del cantiere per l’isolamento termico sottotetto villa schiera: a sinistra vediamo la cellulosa CLIMACELL, sul fondo la macchina insufflatrice e il tubo che sale accanto alla scala che trasporterà il materiale isolante CLIMACELL nel sottotetto attraverso il lucernario .

 

 

 

 

 

 

 

 

isolamento termico sottotetto villa schiera,risparmio energetico,climacell
creazione dei passaggi fra muricci che portano la falda di copertura in tavelloni

 

Per l’isolamento termico  sottotetto villa schiera è necessario che l’operatore possa accedere a tutti i cunicoli creati dai muricci di sostegno della copertura.   In questo caso non vi era nessuna comunicazione fra i cunicoli e pertanto sono stati creati dei passaggi di cm 50×50 in modo da non compromettere la solidità della struttura.

 

 

 

 

 

 

 

isolamento termico sottotetto villa schiera, climacell,risparmio energetico,risparmio bollette gas
dettaglio sottotetto

 

 

isolamento termico sottotetto villa schiera nelle  zone impossibili

Nella parte più bassa corrispondente alla gronda l’operatore non può fisicamente entrare , ma con questa tecnica possiamo con un piccolo foro cm 25×25 ogni metro fare entrare solo il tubo che porterà l’isolante CLIMACELL insufflato a riempire completamente la piccola intercapedine.

 

 

isolamento termico sottotetto villa a schiera,climacell,risparmio energetico
entrata nel sottotetto dell’operatore

Dal lucernario si estraggono tutte le macerie create dalle operazioni precedenti e portate in discarica.Tutte le operazioni nel sottotetto sono eseguite in sicurezza e soprattutto indossando una maschera di protezione per la polvere munita di filtri .

 

 

 

 

 

 

isoisolamento termico sottotetto villa schiera, climacell, risparmio energetico, risparmio bolletta gas
operazioni di insufflaggio con cellulosa CLIMACELL

L’operatore porta il tubo in tutte le zone del sottotetto e le ricopre con uno strato variabile da cm 20/25 con cellulosa CLIMACELL. Si crea così un isolamento termico sottotetto villa schiera  di altissima qualità con un risparmio energetico reale sul riscaldamento invernale stimato in un 28% e la capacità di limitare la temperatura interna nella massima calura estiva di almeno 3 gradi, con notevole risparmio sulla bolletta del gas e della luce.

L’intervento di isolamento termico sottotetto villa schiera è durato tre giornate lavorative e non è stato necessario entrare nell’abitazione per nessuna fase di lavoro, con grande soddisfazione del proprietario.

Dove intervenire per migliorare la qualità di una casa

Dove intervenire per migliorare la qualità di una casa?

Cerchiamo di rendere comprensibili alcune semplici dinamiche a chi non è del mestiere e vuole migliorare la propria casa.

La casa è un involucro che all’interno dovrebbe mantenere un clima adatto a rendere confortevole la vita dell’uomo.

Con una temperatura di 20-22 gradi in inverno e di 24-27 gradi in estate, non modificabile con facilità dalle mutevolezze del tempo. 

Questo involucro lo possiamo suddividere in copertura, murature perimetrali, infissi in generale e pavimento.

In una casa di 100 mq di un piano, le superfici esposte alla dispersione di calore sono così suddivise:

• 100 mq sottotetto

• 98 mq murature perimetrali

• 10 mq infissi in generale

• 100 mq pavimento

 Considerando la semplice verità che il calore sale, il tetto o sottotetto sono di gran lunga gli elementi che disperdono più calore in assoluto per superficie e per posizione.

Il tetto è l’ultima barriera che dovrebbe rimandarci indietro il calore e non farcelo scappare, come una pentola che si riempie di caldo dall’alto in basso. Seguono le murature perimetrali.

Gli infissi rappresentano una superficie molto ridotta.

Il pavimento ha una grande superficie, ma per la sua posizione segue per ultimo.

ATTENZIONE: E’ IL CALDO CHE SE NE VA, NON IL FREDDO CHE ENTRA!

Nella percezione comune quando si pensa a migliorare il comfort di una casa, la maggior parte delle persone capovolge la classifica: dà maggior importanza al valore estetico e comincia dalla sostituzione degli infissi, poi  pensa al cappotto e arriva quindi al tetto, mettendo una guaina impermeabilizzante pensando che basti a trattenere il calore.

UNA SERIE DI ERRORI COLOSSALI DA UN PUNTO DI VISTA TECNICO!

La guaina impermeabilizzante isola dall’acqua piovana, non è un isolante termico.

Il calore non viene trattenuto, ma il vapore acqueo contenuto si.

L’isolamento termico del tetto è generalmente meno oneroso di un cappotto ai muri perimetrali e se abbiamo un sottotetto si spende ancora meno.

La sostituzione degli infissi costa molto di più di un cappotto e riguarda una superficie disperdente ridotta.

È ovvio che il massimo comfort lo raggiungiamo intervenendo su tutte le parti della casa in modo equilibrato, ora dobbiamo solo capire dove abbiamo il maggior rapporto costi/benefici.

Ma che isolamento possiamo dare?

Sistema Tetto propone per il sottotetto uno strato di cellulosa Climacell di 20 cm minimo, al costo medio di €30/mq., mentre un cappotto costa mediamente €45/mq per uno spessore di 10cm.

La sostituzione dei serramenti generalmente non meno di €15.000,00 per una casa di 100 mq.

Sei pronto a risparmiare sul riscaldamento della tua casa per il tuo benessere? Contattaci oggi stesso.

Considerazioni sull’edilizia esistente

Non tutte le costruzioni eseguite dopo il 2000 (tranne qualche eccezione) hanno avuto l’attenzione rivolta all’isolamento termico.

Negli edifici era praticamente nulla e se ne minimizzava l’importanza risolvendo il problema con una maggiore produzione di calore, aumentando gli elementi radianti per l’inverno e installando climatizzatori per l’estate, sopportando nelle mezze stagioni l’altalena termica.

Senz’altro gli impianti hanno fatto progressi importanti nella via dell’efficienza, ma gli impianti hanno dei costi di manutenzione per tutta la vita e consumano energia per il loro funzionamento ed inoltre hanno creato un problema inaspettato.

Per fare un banale paragone: abbiamo messo il motore di una Ferrari su una Fiat Panda. Va veloce ma non è equilibrata. Sfrutta solo in parte la maggior potenza e non è guidabile.

Il problema inaspettato è che l’involucro non è all’altezza delle prestazioni, è malsano per le condense: nel tempo le muffe si formano e causano allergie, senza che il fattore sia visibile.

Quando il fenomeno è visibile siamo ormai fuori controllo: le spese di gestione aumentano nelle fatture che riceviamo.

Migliorare questa situazione non è impossibile da un punto di vista economico, basta riconoscere la SOSTANZA dall’APPARENZA .

Spesso non ci aiutano nemmeno i consulenti che propongono a volte il meglio assoluto con interventi radicali e costi talmente alti da non potersi mai ammortizzare nel risparmio energetico in una casa che ha comunque il suo valore di mercato dettato dall’anno di costruzione.

Possiamo migliorare le prestazioni e il benessere  dell’involucro casa realizzando che quanto spenderemo avrà un ritorno di denaro e di benessere.

È questa la filosofia che ci spinge a cercare nuove e migliori soluzioni di quelle attuali per le abitazioni di oggi.

Contattaci oggi stesso per un preventivo gratuito.

Intervento d’isolamento tetto con botola d’accesso

Le foto si riferiscono ad un isolamento di un sottotetto non praticabile per la ridotta altezza, dove è stato creato un passaggio pedonabile fra la botola di accesso alla casa e il lucernario che sbuca nel tetto.

Tubo d'insuflaggio inserito nell'abbaino di accesso
Tubo d'insuflaggio inserito nell'abbaino di accesso

Preparazione del soppalco
Preparazione del soppalco

Soppalco in costruzione
Soppalco in costruzione

 

Il tubo raggiunge tutte le zone, anche le più inaccessibili
Il tubo raggiunge tutte le zone, anche le più inaccessibili

Insuflaggio in corso
Insuflaggio in corso

 

Il solaio viene coperto con 24 centimetri di cellulosa Climacell
Il solaio viene coperto con 24 centimetri di cellulosa Climacell